Anno nuovo

Cosa porterò con me di questo 2020?
Soprattutto il silenzio.
Un silenzio denso, pieno.
Condiviso.
Sofferto.
Un silenzio avvolgente.
Coprente.
A tratti regolari straziato dall’ulutato delle sirene delle ambulanze.
Per poi tornare a chiudere il velo su suoni e rumori di una quotidianità stravolta.
Il 2020 ci ha scoperti fragili e indifesi.
Il 2020 ci ha smascherati nella nostra debolezza umana.

Auguri

Auguri a tutti voi. Sarà un Natale strano, diverso da tutti gli altri, probabilmente; sarà un Natale sottotono e per qualcuno anche lontano dagli affetti più cari. Ma vi auguro, comunque sia, di riuscire a costruirvi un momento di serenità .